la cittadinanza digitale e gli algoritmi

C’è un termine centrale per l’informatica e per il web:  algortimo. Esso indica:

un elenco finito di istruzioni univocamente interpretabili, ciascuna delle quali deve essere precisamente definita e la cui esecuzione si arresta per fornire i risultati di una classe di problemi per ogni valore dei dati di ingresso.

Qualsiasi software su un qualsiasi computer è una architettura di algoritmi collegati che elaborano dati immessi da chi usa il software e restituisce qualcosa: per esempio, schiaccio un tasto della tastiera e a monitor appare la lettera corrispondente.

Il web, e a cascata la nostra vita, è determinata da neanche una dozzina di algortimi, estratti da qui:

  • Il misterioso “algoritmo di Google”.
  • Il sistema delle “notifiche” di Facebook.
  • I sistemi di accoppiamento dei siti di appuntamenti o ricerca coppie.
  • La raccolta dati del NSA.
  • Il servizio “Chi ha acquistato questo articolo ha acquistato anche” di Amazon o Netfix.
  • Google AdWords.
  • I programmi predittivi della borsa.
  • La compressione MP3.

Un cittadino del web deve sapere almeno cosa è un algortimo, Wikipedia ci viene in aiuto con un articolo.

modemlab BIT

logo

Modemlab.eu lancia i suoi “BIT” in rete

keyword

metariflessione

Modemlab lancia in rete i suoi “BIT”, brevi guide, riflessioni, appunti per essere cittadini digitali attivi. Max 500 battute per invogliare ad una riflessione più attenta su strumenti ed abitudini (tra l’analogico e il digitale) che caratterizzano il quotidiano. I BIT saranno caratterizzati, inoltre, da una parola chiave (keyword) che renderà subito chiaro il contenuto centrale della riflessione e da uno stile sintetico e chiaro pensato per chi non ama giri di parole o non è un addetto ai lavori.

good practices

Nelle “good practices” saranno indicati link per approfondire i temi suggeriti. Attendiamo i vostri commenti e suggerimenti!